Nestlé si è aggiudicata il premio Corporate Water Stewardship ai Global Water Awards 2015

apr 29, 2015
 

Nestlé si è aggiudicata il premio Corporate Water Stewardship ai Global Water Awards 2015 grazie alla tecnologia che consente a uno stabilimento lattiero-caseario messicano di svolgere le proprie attività senza utilizzare l'acqua freatica locale.

L’azienda è stata premiata da una giuria composta dagli esperti che hanno partecipato al Global Water Summit ad Atene e online dai membri del 2030 Water Resources Group per l’iniziativa "ZerEau", sperimentata presso lo stabilimento "Cero Agua" dello stato messicano Jalisco, che dispone di risorse idriche scarse.

"Questo prestigioso premio significa molto per noi: è un riconoscimento per il duro lavoro che il nostro team ha dedicato a questo progetto per cinque anni. Questa tecnologia è un'esclusiva di Nestlé e non si tratta di una direttiva di settore” ha affermato Jim Knill, Nestlé’s head of dairy operations.

Il sito rappresenta il primo pilota dove è stata sperimentata la tecnologia Nestlé che consente allo stabilimento di non utilizzare l’acqua freatica nei processi produttivi. L’acqua necessaria viene infatti recuperata dal vapore acqueo derivante dalla lavorazione del latte vaccino. Quest’acqua viene condensata, trattata e riciclata per essere utilizzata ulteriormente per il condizionamento e le pulizie.

"Dodici anni fa mi era stato detto che ciò era impossibile da realizzare a causa dei costi, dei problemi di qualità dell'acqua e della complessità tecnica. Invece abbiamo dimostrato che questa tecnologia funziona, e ora intendiamo applicarla anche altrove", ha dichiarato Knill.

A seguito del successo del progetto pilota in Messico, Nestlé prevede interventi di ammodernamento per introdurre questa tecnologia in altri stabilimenti lattiero-caseari situati in aree soggette a carenza d'acqua in Sud Africa, Pakistan, India e Cina.

Tali tecnologie di risparmio idrico fanno parte dell'impegno di Nestlé per raggiungere l'efficienza idrica e la sostenibilità nelle proprie attività, riducendo al minimo l'impatto sulle risorse idriche naturali.