Facciamo luce sull'istruzione, con Didier Drogba

feb 8, 2016

La folla esplode di gioia mentre la giovane stella ivoriana del calcio segna una rete...

Corre via esultando, e batte il cinque al due volte Calciatore africano dell'anno Didier Drogba, ex star della nazionale della Costa d'Avorio e di prestigiose squadre come il Marsiglia e il Chelsea.

Ma questa non è la finale della Coppa d'Africa, che si disputa davanti a migliaia di spettatori. Sono quattro calci improvvisati su un polveroso campetto di un piccolo villaggio della Costa d'Avorio, il più grande produttore di cacao al mondo.

E a segnare il goal è stato un bambino che gioca insieme al suo connazionale ed eroe. È un sogno.

Didier Drogba in school 

In visita a questo villaggio della Costa d'Avorio, Didier Drogba lancia oggi un potente messaggio sull'importanza dell'istruzione, della sostenibilità e dello sport nel paese.

Il messaggio risuona nell'aula della scuola costruita di recente, dove Drogba mostra ai bambini elettrizzati uno speciale pallone che immagazzina energia cinetica quando giocano a calcio insieme.

Legare sport e istruzione

“È una sfera magica, vero?” dice, facendo vedere come, una volta caricato, il pallone si può usare per alimentare una lampada. Alla sera i bambini possono utilizzarlo per fare i compiti.

L'istruzione è un diritto umano fondamentale, una cosa che diamo per scontata nei paesi sviluppati. Ma in Costa d'Avorio è un sogno per molti, dopo che migliaia di aule scolastiche sono state distrutte nella recente guerra civile.

Kids learning to write 

Questi bambini sono relativamente fortunati, dato che molti altri non hanno alternativa al lavoro nelle fattorie di famiglia. Anche quando esistono scuole locali, a causa della povertà rurale alcuni genitori preferiscono comunque mandare i figli a lavorare.

Secondo un recente sondaggio della Tulane University, vi sono attualmente 1,2 milioni di bambini che lavorano nella produzione del cacao in Costa d'Avorio.

Questi bambini si vedono negare il diritto all'istruzione, e non hanno tempo libero per partecipare a giochi di squadra come il calcio, che sono altrettanto fondamentali per il loro sviluppo fisico e mentale.

Migliorare le condizioni sociali

Didier Drogba ha creato la fondazione che porta il suo nome per aiutare questi ivoriani nell'ambito dell'istruzione e adesso ha unito le forze con Nestlé per perseguire questi obiettivi in modo ancor più mirato, con il sostegno dell'azienda.

Darrell High, responsabile del Piano Cacao Nestlé, spiega che l'azienda costruirà una nuova scuola elementare statale per la Fondazione nella regione di Gagnoa, dove Drogba è nato.

La partnership arriva in concomitanza con l'annuncio che KitKat è ora il primo brand globale di cioccolato ottenuto al 100% da cacao sostenibile, fornito nell'ambito del Piano Cacao Nestlé.

Cocoa farmer 

Il Piano permette agli agricoltori di gestire le coltivazioni in modo redditizio e all'azienda di rifornirsi di cacao sostenibile di qualità per i suoi prodotti. Elemento cruciale, migliora anche le condizioni sociali nelle comunità dei coltivatori.

Nestlé non tollera in alcun modo il lavoro minorile nella sua catena di fornitura e per risolvere il problema ha già costruito 42 scuole gestite dallo stato con posti per migliaia di bambini e giovani.

Ma le aule scolastiche da sole non bastano. Nestlé costruisce anche alloggi per il personale, in modo da attirare validi insegnanti nelle comunità rurali, il che incentiva i genitori a mandare i figli a scuola. Costruisce anche servizi igienici separati, che sono fondamentali per attrarre e far rimanere le allieve, e mense per servire pasti caldi.

Costruire scuole funziona

Nick Weatherill, Direttore esecutivo dell'International Cocoa Initiative, organizzazione che promuove la tutela dei bambini nelle comunità di coltivatori di cacao, insiste sul fatto che scuole ben costruite aiutano effettivamente a combattere il lavoro minorile.

“Se in una comunità manca la scuola, non c'è un'alternativa concreta per i bambini. Dato che i genitori difficilmente li lasciano stare a casa a non fare nulla, la probabilità che lavorino nelle coltivazioni è più elevata. Costruire una scuola è quindi una componente essenziale della soluzione.”

Girl on her way to school 

“Se quella scuola offre un'istruzione di alta qualità, ed è gratuita, raramente un coltivatore di cacao non vuole mandarci il figlio. Detto questo, la sola costruzione non basta.”

Weatherill avverte che se i coltivatori non possono permettersi di assumere lavoratori adulti per sostituire i figli, possono essere riluttanti a mandarli a scuola. Per questo motivo, è fondamentale anche risolvere il problema della povertà rurale.

Aiutare i bambini a frequentare 

Nestlé affronta il problema attraverso un sistema di monitoraggio che è unico nell'industria del cacao e che recluta funzionari di collegamento nelle comunità locali per identificare i bambini vulnerabili che lavorano o rischiano di farlo.

Schoolkids 

Una volta identificati, i bambini ricevono aiuto per frequentare la scuola. A volte mancano semplicemente il certificato di nascita o la divisa necessari per la frequenza. In casi più gravi, le madri vengono aiutate a sviluppare nuove fonti di reddito e a coprire i costi scolastici.

“Non pretendiamo di aver risolto il problema del lavoro minorile. Ma sostenendo i coltivatori in Costa d'Avorio per fare in modo che la coltivazione del cacao sia redditizia e sostenibile, e, attraverso misure specifiche, per aiutare i bambini a frequentare la scuola e sviluppare il loro potenziale, siamo seriamente impegnati per fare la differenza,” sottolinea High.