Campagna Greenpeace su Nestlé e olio di palma

Comunicati StampaMilano,mar 18, 2010

Condividiamo la preoccupazione per la seria minaccia ambientale portata alle foreste pluviali e alle torbiere del Sud-Est asiatico dall'aumento delle piantagioni di olio di palma.

Nestlé ha recentemente annunciato il proprio impegno nell’utilizzare esclusivamente "Certified Sustainable Palm Oil" dal 2015, nel momento in cui saranno disponibili sufficienti quantità. A dimostrazione del nostro impegno, stiamo intraprendendo tutti gli sforzi possibili con i nostri fornitori per garantire che l’olio di palma da noi acquistato non contribuisca alla deforestazione.

Come parte integrante di questo impegno, abbiamo accelerato le operazioni di verifica dei fornitori di olio di palma, per identificare quei fornitori che non garantiscono il rispetto dei nostri elevati standard di sostenibilità.

Dal momento che la sicurezza e la qualità dei nostri prodotti alimentari sono una priorità non negoziabile, abbiamo volutamente intrapreso queste azioni dal momento che utilizziamo l’olio di palma per prodotti alimentari piuttosto che per le produzioni di sapone o altre tipologie di prodotti per la cura della persona.

In particolare, Nestlé ha sostituito il fornitore indonesiano di olio di palma Sinar Mas con altri fornitori. Confermiamo inoltre che Nestlé ha utilizzato l’olio di palma acquistato da Sinar Mas solamente nei siti produttivi in Indonesia e che nessun quantitativo di olio di palma acquistato da Sinar Mas è mai stato destinato ad attività produttive in altri Paesi al di fuori dell’Indonesia.

Abbiamo anche coinvolto altri importanti fornitori di olio di palma per assicurarci che, come nel caso di Cargill, venga compresa la nostra necessità di non utilizzare olio di palma proveniente da fornitori che contribuiscono alla deforestazione. In questo fase i nostri fornitori di olio di palma sostengono che attualmente non è possibile garantire l'esclusione di una singola società fornitrice, in quanto l’olio di palma viene mischiato lungo la complessa catena di approvvigionamento.

Noi continueremo nel nostro impegno per fare pressione sui nostri fornitori affinché eliminino ogni fonte di rifornimento di olio di palma collegabile al problema della deforestazione e per assicurare, il più velocemente possibile, la tracciabilità di questa materia prima. Noi non acquisteremo olio di palma sino a quando non ci saranno garanzie attendibili e chiare.

Per quanto concerne invece le nostre forniture di carta e materiali per l'imballaggio, confermiamo che non acquistiamo nessun materiale dalla società Asia Pulp & Paper (APP).

Infine tutti i fornitori Nestlé devono rispettare alcuni essenziali standard non negoziabili contenuti nel Codice per Fornitori Nestlé, documento cui devono aderire quando intrattengono rapporti commerciali con la nostra azienda. Il Codice include, tra gli altri, alcuni principi legati al rispetto della sostenibilità e dell’ambiente. Inoltre attraverso la Policy Nestlé sulla Sostenibilità Ambientale, l'azienda si impegna a preferire quei fornitori costantemente impegnati nel raggiungere significativi miglioramenti nell’efficienza e nella sostenibilità dei loro processi produttivi e nell’utilizzo delle risorse.

Per ulteriori informazioni:
Manuela Kron
Gruppo Nestlé in Italia
E-mail: manuela.kron@it.nestle.com

Edoardo Grandi
MS&L Italia
E-mail: edoardo.grandi@mslworldwide.com