Nestlé si unisce alla richiesta di accelerare i programmi di sicurezza alimentare al summit del G20

Comunicati StampaVevey,giu 17, 2012

Coltivatori di caffè in Messico INDUSTRIA IN MESSICO: assistenza tecnica, formazione nell'allevamento degli animali e un'alimentazione degli animali migliore può aumentare la produzione di latte.

Nestlé si è unita ad altre aziende leader produttrici di beni di largo consumo nella richiesta di aumentare gli investimenti nel settore pubblico e privato per accelerare i programmi di sicurezza alimentare in tutto il mondo

L’azienda fa parte della Task Force sulla Sicurezza Alimentare del Business 20 (B20) che ha stilato delle azioni volte ad aumentare la produzione e la produttività agricola del 50% entro il 2030, migliorando al contempo i mezzi di sussistenza degli agricoltori piccoli proprietari terrieri.

Paul Bulcke, CEO di Nestlé, ha partecipato a un incontro della Task Force in occasione del summit del G20 a Los Cabos, in Messico, insieme ai leader di altre società e di organizzazioni non governative internazionali.

Cibo disponibile, prezzi accessibili

"Dobbiamo rafforzare la ricerca per ottenere cibi salutari prodotti in modo efficiente e al contempo assicurare la disponibilità di cibo a prezzi accessibili", ha affermato Paul Bulcke.

"Ciò significa anche migliorare la logistica, le infrastrutture e i sistemi di trasporto per garantire l’approvvigionamento di cibo a chi ne ha bisogno".

"Nestlé continuerà a garantire il suo sostegno, come parte del nostro approccio al business che noi chiamiamo ‘Creazione di Valore Condiviso’, volto a creare valore per i nostri azionisti e per le comunità in cui operiamo".

Paul Bulcke ha proseguito affermando che per garantire la sicurezza alimentare, l’agricoltura deve avere un ruolo chiave nell’affrontare il problema sempre più pressante della scarsità d'acqua.

Ha citato studi in base ai quali, se dovessero persistere i trend attuali, un terzo della popolazione mondiale dovrà fare i conti con la scarsità d’acqua da qui al 2020, con perdite annuali di acqua equivalenti alla quantità necessaria per coltivare il 30% della nostra coltivazione di frumento mondiale.

Il ruolo degli agricoltori

La Task Force sulla Sicurezza Alimentare chiede che gli agricoltori siano posti al centro degli sforzi delle diverse parti interessate, per migliorare la produttività e la sostenibilità agricola, nonché la sicurezza alimentare.

Lo sviluppo di nuove opportunità per i piccoli agricoltori richiederà un nuovo tipo di approccio: non più offrire un semplice sostegno passivo, ma incoraggiarli a diventare più imprenditoriali.

Secondo la Task Force, questo richiederà la creazione di programmi più incisivi sulla sicurezza alimentare e l’agricoltura nazionale, supportati da partnership pubblico-private a livello nazionale.

"Nuova visione dell’agricoltura"

I tipi di partnership sostenuti dalla Task Force sono già stati implementati in una fase pilota in 11 paesi nell’ambito dell’iniziativa "Nuova Visione dell’Agricoltura" del Forum Economico Mondiale, di cui Nestlé è membro.

La Task Force sulla Sicurezza Alimentare ha basato i suoi punti d’azione sugli obiettivi stilati dalla Nuova Visione dell’Agricoltura.

L'iniziativa enfatizza i legami tra sicurezza alimentare, sostenibilità ambientale ed opportunità economiche.

Maggiori investimenti

I settori di business rappresentati dalla Task Force sulla Sicurezza Alimentare prevedono l’investimento di altri 10-15 miliardi di dollari in agricoltura entro il 2030.

Tali investimenti dovranno servire ad ampliare l’accesso al mercato per circa 3-5 milioni di agricoltori piccoli proprietari terrieri, in particolare donne, assicurando al contempo l’utilizzo sostenibile delle risorse.

La Task Force ha inoltre sottolineato la necessità che gli investimenti dei governi aiutino a migliorare le infrastrutture e i servizi essenziali, ad aumentare la produttività e a ridurre gli sprechi.

Nestlé e lo sviluppo agricolo

A livello mondiale, Nestlé è impegnata a rafforzare i legami tra agricoltori e mercati. Negli ultimi 12 anni, l’azienda ha aumentato costantemente la sua collaborazione con gli agricoltori relativamente alle pratiche di agricoltura sostenibile.

Nel 2010, Nestlé ha investito oltre 45 milioni di dollari (oltre 48 milioni di franchi svizzeri) in assistenza finanziaria, senza obblighi o condizioni, nei confronti di 32.000 agricoltori.

In Messico, ad esempio, lo stabilimento caseario dell’azienda, situato a Mezquite, fornisce agli agricoltori assistenza tecnica e formazione sull’allevamento degli animali, sul miglioramento dell’alimentazione degli animali, nonchè tecniche per incrementare la produzione. In cambio, Nestlé si assicura una fonte affidabile di latte di alta qualità.

Nel 2010 l’azienda ha lanciato il Piano Nescafé a Città del Messico. L’iniziativa mondiale, della durata di dieci anni e dal valore di 350 milioni di franchi svizzeri, raggruppa gli impegni dell’azienda nella coltivazione, produzione e consumo di caffè.

Grazie a questa iniziativa, entro il 2015, Nestlé raddoppierà la quantità di caffè acquistata direttamente dagli agricoltori e dalle loro associazioni.

Business 20

Il Business 20 (B20) è un evento che si tiene nell’ambito del Summit del G20. È stato ideato per rappresentare le visioni condivise della comunità delle aziende a livello internazionale.

Il suo obiettivo primario è stilare raccomandazioni e ottenere, dai leader di azienda e dalle organizzazioni, importanti impegni perché si adoperino per affrontare le problematiche economiche attuali più importanti.


Informazioni correlate:
Sito Web Nestlé Messico
Task Force sulla Sicurezza Alimentare B20
Summit del G20

Altre storie sull’impegno di Nestlé nello sviluppo rurale:
Nestlé lancia il piano globale da 500 milioni di franchi svizzeri per la coltivazione sostenibile del caffè
Nespresso rinnova il suo sostegno ai coltivatori di caffè colombiani con un programma di investimenti su cinque anni
Approfondimento: senza agricoltura sostenibile non c’è futuro