Dichiarazioni Brabeck su accesso all'acqua

Stanno circolando in rete delle informazioni imprecise ed inesatte, in merito ad alcune dichiarazioni del Presidente Nestlé Peter Brabeck. Teniamo a precisare che Nestlé crede fermamente che l'accesso all'acqua sia un diritto umano fondamentale.

Viene infatti ripresa un’intervista di Peter Brabeck estrapolata da un documentario che, presa fuori contesto, porta ad un fraintendimento del suo punto di vista.
Brabeck ha più volte ribadito che tutte le persone hanno diritto all’accesso all'acqua potabile per soddisfare le loro esigenze di idratazione e di igiene. Secondo quanto indicato dall’ OMS ogni persona utilizza da 50 a 100 litri d'acqua al giorno. Brabeck stesso ha anche dichiarato il suo forte sostegno per la risoluzione 64/292 delle Nazioni Unite sul diritto all'acqua e ai servizi igienico-sanitari.
Nel 2010, prima ancora che fosse ufficialmente riconosciuta dalle Nazioni Unite abbiamo inserito all’interno dei nostri Principi Aziendali Nestlé, il diritto imprescindibile all'acqua per tutti gli esseri umani. Non solo, l'acqua è anche uno dei pilastri fondamentali in cui si concentra l’impegno di Nestlé nella società secondo la filosofia di Creazione di Valore Condiviso.
Garantiamo il rispetto del diritto all'acqua attraverso un processo di due diligence, che ci permette di valutare il nostro potenziale impatto sull’accesso all’acqua per la comunità e la disponibilità a lungo termine delle risorse idriche attraverso periodiche Water Resource Reviews.

Crediamo che la gestione responsabile delle risorse idriche da parte di tutti sia una necessità assoluta. Per questo siamo tra i soci fondatori e firmatari del Global Compact CEO Water Mandate dell’ONU e stiamo lavorando con gli enti pubblici, le comunità, i maggiori esperti e governi per aiutare a garantire una gestione efficace delle risorse idriche.

Per maggiori informazioni sulle nostre attività: