L'ACCOPPIATORE E FUSTELLATORE 2.0: Precisione tecnica ed estetica

Mestieri d'Italia

Elevati standard qualitativi ed eccellenti livelli di produttività industriale

 

  • Sono diplomati negli istituti tecnici con indirizzo Meccatronica
  • Hanno buone conoscenze di meccanica, meccatronica ed elettronica. Conoscono bene la carta e il cartone
  • Sono precisi, attenti al dettaglio, capaci di lavorare in team, abili nella gestione del tempo e delle priorità, tesi al miglioramento continuo delle perfomance
  • Conoscono a fondo le tecniche di attrezzaggio del macchinario e le tecniche di preparazione degli strumenti di taglio perché sono consapevoli che queste, insieme all’organizzazione del lavoro fuori e dentro la macchina, sono i fattori determinanti per il miglioramento della produttività.

 

“Per i nostri reparti di accoppiatura e fustellatura ci rivolgiamo ai diplomati degli istituti tecnici e professionali – dice Giacomo Cantagalli, Amministratore Delegato di ARTI GRAFICHE REGGIANE E LAI.

Anche per un fustellatore o un accoppiatore è oggi necessario avere buone conoscenze di meccanica ed elettronica, così come è gradita una conoscenza di base dell’inglese per un corretto utilizzo dei software e per poter relazionarsi con i tecnici della case produttrici dei macchinari, case che sono oggi solo aziende internazionali.

Per quanto riguarda le competenze specifiche del settore cartotecnico – come la conoscenza della carta e del cartone o le tecniche di preparazione degli strumenti di taglio – ci pensiamo noi. Lo facciamo attraverso l’affiancamento ad un dipendente senior e un “training” presso i nostri fornitori di macchine da taglio o da accoppiare o con corsi presso i nostri stabilimenti tenuti dai tecnici specializzati delle case produttrici.

Per questo per noi è importante anzi direi fondamentale l’alternanza scuola–lavoro. Il poter cominciare a formare specificamente nel settore cartotecnico i ragazzi già nel periodo dell’ istruzione scolastica facilita e rende più veloce e proficuo per entrambi, azienda e neo assunto, l’inserimento post diploma nel mondo del lavoro”.