Acrilammide e segnalazioni di rischi per la salute

Prendiamo molto sul serio le preoccupazioni legate alla presenza di acrilammide negli alimenti e nelle bevande. L’acrilammide viene prodotta naturalmente in un’ampia gamma di cibi cotti e di bevande e questo processo può verificarsi sia durante la produzione che nel corso della preparazione a casa.

Continuiamo a ridurre i livelli di acrilammide nei nostri prodotti, dove possibile. Diamo inoltre il nostro sostegno alle autorità pubbliche fornendo indicazioni ai consumatori sulle tecniche di preparazione degli alimenti; ad esempio consigliamo di evitare di cuocere troppo i cibi, per ridurre al minimo la presenza di acrilammide.

Nestlé sta mettendo a disposizione alcuni dati relativi a questa sfida tramite lo strumento dell’Acrylamide Toolbox, che fa parte dei Codici di Pratiche sull’acrilammide (Codes of Practice - CoPs) per diverse categorie di alimenti, un’iniziativa voluta da FoodDrinkEurope. 

Siamo favorevoli alle nuove misure legislative sull’acrilammide recentemente introdotte dalla Commissione Europea, che definiscono un modello armonizzato a livello di UE per controllare i livelli di acrilammide negli alimenti e nelle bevande. Il nostro sostegno riguarda anche l’ipotesi di livelli di riferimento non vincolanti, usati come indicatori per far sì che l’industria riesca a ridurre i livelli di acrilammide. 

La sicurezza dei nostri prodotti è una priorità non negoziabile per Nestlé.