Nestlé Hellas respinge le accuse su taglio dei salari

Stanno circolando in questi giorni sul web notizie infondate e scorrette in merito all’incontro avvenuto ormai un mese fa tra il Ministro dello Sviluppo greco, Kostis Chatzidakis, e alcuni rappresentanti delle principali aziende internazionali attive in Grecia, fra cui anche il collega Raymond Franke di Nestlé Hellas. In particolare, si fa riferimento al fatto che nel corso della riunione sarebbe stata avanzata la proposta di ridurre i salari per i lavoratori part-time e di accorciare il preavviso necessario per informare i dipendenti in caso di licenziamento.

Ci teniamo a precisare che in realtà i fatti si sono svolti in maniera ben diversa: nessun rappresentante del Gruppo Nestlé, infatti, ha mai avanzato o appoggiato tali richieste e lo stesso Ministro Chatzidakis ha immediatamente e pubblicamente smentito sui media che nel corso dell’incontro siano emerse proposte di questo tipo, sottolineando come invece la riunione sia stata organizzata con il chiaro intento di contribuire a migliorare il tessuto economico del Paese.

Il nostro Gruppo è presente in Grecia dal 1899: è una nostra precisa scelta strategica rimanere in questo Paese e continuare ad investire attraverso i siti produttivi con cui vi operiamo e la creazione di occupazione. Ad oggi, infatti, Nestlé è attiva in Grecia con quattro stabilimenti, impiega in modo stabile oltre 1.000 dipendenti e, nonostante le difficili condizioni economiche e finanziare in cui versa il Paese, non ha mai attuato alcuna riduzione a livello salariale o occupazionale.

Inoltre, nel 2012 Nestlé Hellas ha portato a compimento i propri piani di investimento per un totale di 9 mln di euro, mentre per il 2013 sta già implementando un piano che prevede investimenti per 8 mln di euro da destinare alla sincronizzazione degli stabilimenti e alla realizzazione di nuovi prodotti.

A fronte dei numeri sopra citati, vogliamo ribadire l’impegno da parte di Nestlé nei confronti del mercato greco e la volontà di dare il proprio contributo attraverso il lavoro svolto ogni giorno e le iniziative a carattere sociale di cui è promotrice.