Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Cibo, porzioni e bambini: la salvezza è nelle loro mani!

Nutripiatto, il progetto Nestlé nato a ottobre 2018, si conferma uno strumento chiave per supportare i genitori nella gestione delle porzioni e dei pasti.<br />
Un recente sondaggio Nestlé svela perché è ancora necessario - e come - aiutare i genitori nel difficile momento dei pasti.

Comunicati Stampa
Roma,
Mar 13, 2019
  • Nutripiatto, che si avvale del contributo scientifico dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, è un kit composto da un piatto ‘intelligente’ e da una serie di ricette nutrizionalmente bilanciate.
  • A cinque mesi dalla nascita di Nutripiatto, un sondaggio Nestlé rivela che il 79 % dei genitori preferisce pratiche linee guida e singole ricette bilanciate anziché rigide diete settimanali.
  • Il kit Nutripiatto sarà distribuito, nel corso del 2019, ad alcune scuole elementari per valutarne l’efficacia nel promuovere una corretta alimentazione nelle famiglie.
  • A Explora Il Museo dei Bambini di Roma, nel weekend 16-17 marzo, parte una serie di laboratori dedicati alle famiglie per avvicinare grandi e piccoli alla gestione delle porzioni con Nutripiatto.
Inutile ricamarci intorno: i genitori, quando si tratta di alimentazione dei figli preferiscono avere utili, facili e pratiche indicazioni in merito a come districarsi per preparare piatti equilibrati a livello nutrizionale, meglio se accompagnate eventualmente da ricette ad hoc (79 %). Solo il 21% dei genitori preferisce rigide diete settimanali, complesse da seguire fra i tanti impegni in cui devono districarsi quotidianamente e la scarsa consapevolezza dei pasti consumati fuori casa dai pargoli.
A dirla tutta, il 93% dei genitori non disdegnerebbe affatto avere a disposizione le ricette degli chef!

Questo è quanto emerge da un recente sondaggio di Nestlé realizzato a pochi mesi dalla nascita di Nutripiatto. Il progetto di Nestlé, che si avvale del contributo scientifico dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, è un modo semplice e divertente per creare (genitori e figli insieme) porzioni a misura di bambino, grazie a un kit composto da un piatto “intelligente” e da una guida didattica che spiega come utilizzare il Nutripiatto, offrendo idee e consigli per soddisfare i fabbisogni nutrizionali dei bambini, promuovendo i principi di un’alimentazione sana e bilanciata, nelle differenti fasce di età dai 4 ai 12 anni.

Fanno bene quindi i genitori a prediligere una guida chiara di consigli di ricette, a giudicare dal fatto che, sempre attraverso il sondaggio, è emersa anche la tendenza tipicamente genitoriale a mettere sullo stesso piano diversi gruppi alimentari, prediligendo cioè per i figli le proteine (35%), quasi allo stesso modo dei carboidrati (34%) e delle verdure e ortaggi (31%), senza dare apparentemente peso al differente ruolo che questi alimenti svolgono nel benessere di bambini e adulti.
Sommando questi dati ad un precedente sondaggio Nestlé che rileva come il 31% degli intervistati sia convinto che un bambino debba mangiare come un adulto, e come addirittura il 28% tenda a preparare per i figli porzioni uguali alle proprie, si evidenzia un problema e cioè che, spesso, il genitore non è pienamente consapevole di come e quanto deve realmente mangiare un bambino.

E non solo. Il tema delle porzioni corrette, giocoforza, tocca anche temi sensibili quali lo spreco del cibo: l’85% dei genitori ha ammesso che, abbondando con le porzioni dei figli, a fine settimana il cibo avanzato è di circa 1 kg. Eppure, ben il 60% ha dichiarato di sensibilizzare i propri figli proprio sull’argomento ‘spreco ’.

Nutripiatto si dimostra dunque un valido alleato dei genitori di oggi che, insieme a nutrizionisti e insegnanti, si sono dimostrati fin da subito interessati al progetto, decretandone il successo iniziale.

Per valutare da un punto di vista scientifico quanto e come Nutripiatto è in grado di promuovere un corretto stile alimentare nelle famiglie, grazie al supporto dell’Università Campus Bio-Medico di Roma partirà a breve uno studio che, coinvolgendo 3 scuole elementari e l’asilo aziendale dell’Università, andrà a validare l’efficacia di Nutripiatto nell’innescare cambiamenti positivi nei costumi nutrizionali di chi ne fa uso.

Inoltre, per continuare a sensibilizzare il maggior numero di famiglie possibile sulle basi di una corretta nutrizione, saranno organizzati presso Explora Il Museo dei Bambini di Roma, nel weekend 16-17 marzo, una serie di laboratori dedicati alle famiglie che hanno il compito di divertire grandi e piccoli avvicinandoli ai concetti nutrizionali che stanno alla base del progetto Nutripiatto, a partire dalla gestione dalle porzioni.
Inoltre, nel sito www.nutripiatto.nestle.it è possibile scaricare la guida, trovare approfondimenti, ricette consultabili liberamente e richiedere il kit Nutripiatto gratuitamente.

“Nestlé da sempre si impegna ad aiutare genitori ed educatori nel fornire la corretta nutrizione ai bambini” – afferma Desirée Garofalo, Nutrizionista Nestlé“Nutripiatto rientra infatti nel progetto internazionale Nestlé for Healthier Kids, che si pone l’ambizioso obiettivo di aiutare, entro il 2030, 50 milioni di bambini a vivere in modo più sano. E in un Paese come l’Italia, in cui una corretta nutrizione ha come alleato la dieta mediterranea, Nutripiatto ne sostiene ulteriormente i principi, focalizzandosi sulla corretta porzionatura di pasti e alimenti”.

L’obiettivo di Nestlé è di distribuire 500.000 kit Nutripiatto entro il 2020, raggiungendo così quasi il 15% delle famiglie in Italia con bambini in questa fascia di età.

“Nutripiatto potrà diventare un valido alleato per invogliare i bambini a prendere parte attiva nella scelta dei cibi e nella preparazione delle ricette, riportando nelle famiglie italiane l’abitudine a consumare cibi semplici, nel rispetto della stagionalità dei prodotti e dei piatti tradizionali” - spiega Laura De Gara, Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. “I Paesi dell’Europa meridionale vantano oggi il triste primato del più alto tasso di obesità infantile: i dati rilasciati recentemente dall’OMS1, confermano che, in Italia, i bambini obesi o in sovrappeso sono il 42% dei maschi e il 38% delle femmine. Va detto, come nota positiva, che gli studi sopracitati hanno registrato un trend di miglioramento. Anche durante la settantatreesima Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l’Italia ha condiviso i dati più recenti che mostrano un decremento nel numero dei bambini obesi in Italia2.

www.nestle.it
www.nestle.com
www.nutripiatto.nestle.it
Facebook - Nestlé
Twitter - @NestléItalia

Per ulteriori informazioni:

EDELMAN
Rossella Camaggio – [email protected] – Tel. +39 02. 63116228; +39 348 3001325
Irene De Bernardi – [email protected] – Tel. +39 02. 63116223, +39 348 3001334
Chiara Lanci – [email protected] – Tel. +39 02. 63116385; + 39 335 1320454

NESTLÉ
Manuela Kron – Direttore Corporate Affairs Gruppo Nestlé in Italia: [email protected]; +39 02. 8181.1
Moreno Iachini - Relazioni esterne Nestlé: [email protected]; +39 02 8181 2114; +39 366 9065 889

1 - World Health Organization. Childhood Obesity Surveillance Initiative HIGHLIGHTS 2015-17. Condotto tra il 2015 ed il 2017 su oltre 300000 bambini della scuola elementare (6-9 anni) delle regioni europee dell’OMS
2 - Draft Political Declaration of the third high-level meeting of the General Assembly on the prevention and control of non-communicable diseases. (pdf, 74k)

I laboratori dedicati a nutripiatto presso explora il museo dei bambini di roma

Presso Explora Il Museo dei Bambini di Roma, nel weekend 16-17 marzo, saranno organizzati i laboratori dedicati alle famiglie che hanno il compito di divertire grandi e piccoli, sensibilizzandoli ad una corretta alimentazione, partendo proprio dalle porzioni.

I laboratori di sabato 16 e domenica 17 marzo - alle ore 10.00, 12.00, 15.00 e 17.00

Nel Padiglione:

  • Ozobot, per bambini 6-11 anni: Ozobot è un piccolo robot programmabile. Con l’aiuto di questa tecnologia è possibile creare un percorso approcciando i nutrienti e le parole chiave per uno stile di vita sano. Il robottino riconosce le diverse istruzioni che gli vengono date e sulla base delle istruzioni può così districarsi in un labirinto di frasi e parole.
  • Un piatto su misura, per bambini 3-5 anni: il gioco vedrà impegnati i bambini che indossando delle pettorine colorate e con diversi simboli di alimenti (frutta, verdura, carne, pesce, …) si avvicineranno al concetto di carboidrati, proteine, ecc. Dopo questa introduzione, ci si focalizzerà sulla scoperta di quanti bicchieri d’acqua vanno bevuti attraverso i “travasi”. È prevista anche una parte ludico-artistica che permetterà ai bambini di decorare un sottobicchiere utilizzando la tecnica pittorica a rotazione, grazie a un motorino che fa girare il piatto. Ogni piccolo ‘artista’ potrà poi portare a casa il suo sottobicchiere assieme al kit Nutripiatto.

Nello spazio di Officina in Cucina:

Due turni a ingresso gratuito 3-5 anni dalle 10.45 e 6-11 anni dalle 15.45, durante Ricette dall’Orto-Polpette di ceci al forno, i piccoli chef potranno sperimentare e conoscere da vicino il Nutripiatto.

Modalità di partecipazione:

Laboratori nel padiglione inclusi nel biglietto d’ingresso, a numero chiuso, su prenotazione all’interno del museo entro i primi 30 minuti dall’inizio della visita.
Laboratorio Officina in cucina: su prenotazione.

Per informazioni:
www.mdbr.it

Article Type