Nestlé introduce coperchi e misurini con bio-plastica

Comunicati Stampa

NESTLÉ INTRODUCE COPERCHI E MISURINI CON BIO-PLASTICA DA CANNA DA ZUCCHERO PER I PRODOTTI NESTLÉ NIDINA

Bio-plastiche prodotte da un materiale vegetale rinnovabile (canna da zucchero)

Questo packaging consente a Nestlé di ridurre l’utilizzo di plastica convenzionale a base di combustibili fossili

Milano, 25 maggio 2021 - Nestlé introduce anche in Italia coperchi e misurini prodotti con bio-plastica da canna da zucchero per la linea di prodotti per lattanti e bambini Nestlé Nidina.

Nestlé Nidina è il brand storico per latti formulati di Nestlé, che da oltre 150 anni investe in qualità, ricerca e innovazione per sviluppare le nostre migliori soluzioni nutrizionali per i bambini. Con questo cambiamento che riguarda l’area del packaging, Nestlé Nidina si pone l’obiettivo di costruire solide fondamenta per il futuro del bambino, non solo da punto di vista nutrizionale ma anche ponendo attenzione al tema della sostenibilità ambientale.

I coperchi e i misurini Nestlé Nidina sono infatti ora realizzati rispettivamente per il 66% e il 95% da plastica da fonti rinnovabili vegetali, ovvero canna da zucchero. Sono certificati da un Ente certificatore mondiale (TUV Austria) come imballaggi realizzati in parte da fonti rinnovabili vegetali e sono progettati per il riciclo in quei Paesi che dispongono di impianti di riciclaggio per la plastica (polietilene PE). Hanno le stesse proprietà e funzionalità di quelli fatti con plastica convenzionale, senza compromettere l’elevato livello di igiene e sicurezza richiesto dal prodotto. I nuovi coperchi e misurini integrano le latte in acciaio, uno tra i materiali più riciclati in Italia[1]. Questa innovazione è una delle tante soluzioni su cui Nestlé sta lavorando nell’ambito dell’impegno globale finalizzato a rendere tutti i propri imballaggi riciclabili o riutilizzabili e a ridurre di un terzo l’uso di plastica vergine entro il 2025.

Questa innovazione è stata introdotta a Hong Kong nel 2020, mentre in Italia il nuovo bio-materiale è stato lanciato a partire da Aprile 2021 sotto il brand Nestlé Nidina.

Ryan Carvalho, Head of R&D e Chief Medical Officer di Nestlé Nutrition, ha dichiarato: "Lo sviluppo di soluzioni innovative di packaging sostenibile hanno un ruolo importante nella nostra ambizione di avere tutti gli imballaggi riciclabili o riutilizzabili entro il 2025. Il packaging ricavato da canna da zucchero è un ottimo esempio di come possiamo fare buon uso di materie prime rinnovabili per creare alternative alla plastica tradizionale, assicurandoci al contempo che i nostri prodotti mantengano un livello elevato di sicurezza e qualità.”

Nestlé è uno dei membri fondatori di Bioplastics Feedstock Alliance, che vuole incoraggiare la produzione di materie prime in bioplastica in modo responsabile, vantaggioso per la società ed economicamente attuabile. 

Dichiarazione di limitazione di responsabilità
Crediamo che l’allattamento al seno sia il tipo di alimentazione ideale per i neonati. Ecco perché sosteniamo e promuoviamo la raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di ricorrere esclusivamente all’allattamento al seno per sei mesi, passando poi all’introduzione di alimenti complementari con le adeguate caratteristiche nutrizionali, ma continuando l’allattamento al seno fino ai due anni di età e oltre. Per i neonati che non possono essere nutriti con l’allattamento al seno, i latti artificiali sono l’unico sostituto accettabile del latte materno, riconosciuto come adeguato dall’OMS.

Infografia Nidina fonti rinnovabili vegetali

Il Gruppo Nestlé, presente in 187 Paesi con più di 2000 marche tra globali e locali, è l’azienda alimentare leader nel mondo, attiva dal 1866 per la produzione e distribuzione di prodotti per la Nutrizione, la Salute e il Benessere delle persone. Good food, Good life è la nostra firma e il nostro mondo.

Da più di 100 anni presente in Italia, Nestlé si impegna ogni giorno con azioni concrete ad esprimere con i propri prodotti e le marche tutto il buono dell’alimentazione.

Crediamo che una buona alimentazione migliori la vita. Il buon cibo nutre, il buon cibo delizia i nostri sensi e soprattutto ci unisce. Permette ai bambini di diventare grandi in salute, agli animali da compagnia di crescere sani e felici e a tutti di godere una vita piena. Il cibo è davvero buono anche quando rispetta il pianeta e protegge le sue risorse per le generazioni future

Il Gruppo Nestlé opera in Italia con Nestlé Italiana, Sanpellegrino, Purina, Nespresso, Nestlé Nutrition, Nestlé Health Science, Nestlé Professional e CPW. Queste realtà assieme impiegano circa 4.700 dipendenti in 10 stabilimenti (oltre alla sede centrale di Assago), raggiungendo nel 2019 un fatturato totale di circa 1,6 miliardi di euro. In Italia, nel 2018, Nestlé ha prodotto un valore condiviso di 3.649 milioni di euro, pari allo 0,2% del PIL. Priorità per il Gruppo in Italia è la valorizzazione del gusto e delle tradizioni italiane nel nostro Paese e nel mondo, anche attraverso una filiera che comprende il 74% di fornitori italiani.

L’azienda opera in Italia in 9 categorie con un portafoglio di numerose marche, tra cui i principali sono: Perugina, Baci Perugina, KitKat, Galak, Buitoni, Garden Gourmet, Maggi, Nidina, Nestlé Mio, Nespresso, Nescafé, Nescafé Dolce Gusto, Orzoro, Nesquik, Il Latte Condensato, Nestlé Fitness Cereali, Meritene, Pure Encapsulations, S.Pellegrino, Acqua Panna, Levissima, Purina Pro Plan, Purina ONE, Gourmet, Friskies, Felix.


[1] I dati disponibili del CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) riportano che nel corso del 2019, in Italia, è stato avviato a riciclo l’82,2% dell’acciaio al consumo.