Torna alle Storie
3 Minuti di lettura
Yery Mendoza  

Di Yery Mendoza
Project Manager, Biofortificazione
Maggio 2018



Alcune settimane fa ho avuto il piacere di tornare in Nigeria. Ho sempre apprezzato viaggiare in questa parte del mondo per riconnettermi con i colleghi di Nestlé nell'Africa centrale e occidentale e con altri importanti protagonisti degli sforzi di lunga data di Nestlé per promuovere la biofortificazione nella regione. (Nel caso ve lo steste chiedendo, la biofortificazione è definita come l'arricchimento del contenuto naturale di micronutrienti selezionati nelle colture).

Noi di Nestlé riteniamo che una parte del nostro obiettivo sia quella di migliorare la qualità della vita dei nostri consumatori e di contribuire a un futuro più sano della società in generale. Una dieta diversificata è l'obiettivo finale per fornire tutti i nutrienti nelle quantità richieste e stiamo implementando questa visione attraverso i nostri impegni in Nutrizione, Salute e Benessere per il 2020. Inoltre, ci stiamo concentrando sulla lotta alla denutrizione adottando un duplice approccio: 1) rafforzare gli alimenti comunemente consumati dalle popolazioni vulnerabili (attraverso l'aggiunta diretta di micronutrienti ad alcune delle nostre ricette) e 2) utilizzare colture biofortificate nei nostri ingredienti.

La biofortificazione è considerata sostenibile e molto efficiente in termini di costi per affrontare le carenze di micronutrienti nelle popolazioni che ne soffrono. Il problema è che attuare la biofortificazione nel mondo reale non è semplice. Il processo, che richiede diverso tempo, inizia con l'allevamento e la selezione di varietà di colture arricchite presso stazioni di ricerca agricola specializzate. Una volta che nuove varietà sono state sviluppate e rilasciate per l'utilizzo in un paese, rimane l’esigenza di coinvolgere i partner di distribuzione e gli agricoltori nel tentativo di sostituire le varietà esistenti, ben note, con varietà biofortificate e ricche di micronutrienti. Possono quindi essere necessari dieci o vent’anni per introdurre colture di questo genere nei mercati locali.

Negli ultimi anni, abbiamo lavorato con altri stakeholders in Nigeria per sviluppare catene di fornitura per il mais biofortificato (noto anche come mais ricco di provitamina A o mais PVA). Infatti, abbiamo iniziato ad utilizzare questo materiale in alcune delle nostre ricette per porridges di mais e cereali simili. Tuttavia, è necessaria una maggiore azione collettiva lungo l'intera catena del valore per aumentare la penetrazione delle varietà biofortificate. I cereali biofortificati sono ancora difficili da acquistare per il settore in Nigeria. Ciò che ci aspettiamo è di migliorare ulteriormente i rendimenti e le resistenze delle varietà biofortificate e, di conseguenza, di rendere più affidabile la fornitura dei rispettivi semi a prezzi accessibili. In questo modo, gli agricoltori sarebbero più inclini a piantare e produrre mais biofortificato, quindi quantità maggiori di questo cereale sarebbero disponibili sul mercato locale, e ciò ci consentirebbe di utilizzarlo maggiormente nei nostri prodotti. Inoltre, e ancor più importante, ciò comporterebbe un aumento del consumo di mais ricco di provitamina A tra le popolazioni rurali.

All'inizio di marzo si è svolto nella città di Abuja un seminario sullo sviluppo del mais biofortificato in Nigeria. Il workshop ha riunito rappresentanti chiave della catena del valore nigeriana: ricercatori agricoli, produttori di sementi, fornitori agricoli, cooperative di agricoltori, aggregatori, mugnai, aziende del food & beverage e diverse organizzazioni non governative attive nel campo. Al termine della riunione si è giunti alla conclusione che è necessario uno sforzo collettivo per:

- garantire una produzione sufficiente a soddisfare le esigenze del settore, in modo da stimolare la produzione creando una "spinta di mercato",
- sensibilizzare maggiormente la popolazione sui benefici del mais biofortificato, al fine di aumentare la domanda e provocare una più generale sostituzione delle varietà "normali" esistenti con varietà biofortificate.

Anche se questi risultati possono non sembrare delle trasformazioni, per quelli di noi che conoscono la difficile strada della biofortificazione e della sua accettazione, questo workshop è stato un passo importante verso il superamento degli ostacoli all'aumento delle colture ricche di sostanze nutritive in Nigeria. Credo che la biofortificazione contribuirà a migliorare lo stato nutrizionale delle comunità locali e degli agricoltori, poiché ogni anno ben tre quarti dei piccoli raccolti vengono conservati per il proprio consumo e per quello della popolazione locale che li circonda. In definitiva, l'obiettivo sarebbe quello di sostituire le varietà comuni di questa e di altre colture di base con alternative ricche di sostanze nutritive, migliorando l'accesso alla nutrizione.

Sono entusiasta di lavorare con diverse organizzazioni e di contribuire a questa causa, attendo infatti con impazienza i prossimi passi di questo viaggio.

Per saperne di più sulla biofortificazione e sui suoi benefici, visitate la pagina web del Progetto Harvest Plus.

Yery conduce progetti di ricerca nel miglioramento del valore nutrizionale delle colture agricole.