Torna alle Storie
2 Minuti di lettura
Se anche voi, come tanti altri, vi domandate come mai è così difficile evitare di mettere su peso, considerate questo: in soli 20 anni, le porzioni di molti piatti sono quasi triplicate.

Con molta probabilità, la porzione standard di patatine fritte, che nel 1995 conteneva 210 calorie, nel 2015 ha raggiunto le 610 calore, mentre la normale fetta di torta è passata dalle 260 alle 640 calorie.

Alla luce di questo straordinario aumento delle porzioni, il fatto che ci siano così tante persone che faticano a perdere peso comincia ad avere molto più senso.

E più mangiamo porzioni grandi, più ce le aspettiamo. Come risolvere il problema?

Le dimensioni contano

Il punto di partenza fondamentale è non fare grossi cambiamenti improvvisi. Non dimezzate le porzioni e non aspettatevi di riuscire nel vostro intento fin da subito.

Piuttosto, riducete gradualmente le dimensioni delle porzioni e focalizzatevi sullo sviluppo di abitudini sane quando si tratta di riempire il piatto.

Mosse semplici come pesare gli ingredienti - pasta, ecc. - vi permettono di evitare di preparare troppo cibo e di ridurre gli sprechi.

Pasta

Programmi come MyPlate negli Stati Uniti e la EatWell Guide nel Regno Unito offrono uno schema utile per assicurarsi di consumare ogni alimento nella giusta proporzione.

In generale, il focus deve essere sull’aumentare le porzioni di frutta e verdura in modo che costituiscano circa la metà del piatto. Cereali e proteine magre dovrebbero costituire il resto del piatto.

Ecco un metodo che vi aiuterà a stabilire la porzione ideale: ci dovrebbero essere un pugno di verdure, una manciata di cereali cotti, proteine cotte delle dimensioni del palmo della vostra mano e grassi o oli delle stesse dimensioni di un polpastrello.

Diminuire le porzioni non solo aiuta a tenere sotto controllo le dimensioni del giro vita, ma anche a ridurre al minimo gli sprechi di cibo, il tutto mantenendo basso anche il conto della spesa.

Usa la Delboeuf

Delboeuf Illusion è il nome di un’illusione ottica che riguarda la percezione relativa delle dimensioni.

In parole povere, se si servono due pasti identici uno su un piatto grande e uno su un piatto piccolo, il pasto sul piatto più piccolo sembra più grande.

Delboeuf

I piatti grandi non solo ci danno più spazio per il cibo, ma fanno sembrare le nostre porzioni più piccole, spingendoci a desiderare più cibo.

Oltre a ridurre le porzioni provate anche ad utilizzare piatti più piccoli.

Dessert design

Invece di eliminare tutti i dolci in un colpo solo, provate a ridurne le dimensioni e a sostituire gli ingredienti ricchi di calorie con alternative più sane.

Sostituite i dolci pesanti a base di panna con dolci a base di yogurt e, invece di aggiungere zucchero, utilizzate il cacao o altre spezie, come la cannella, che esaltano la percezione della dolcezza.

Per quanto riguarda il caffè, la quantità di calorie è aumentata tanto quanto quella del cibo. Una tazza di caffè può avere avuto solo 50 calorie nel 1995, ma oggi molte bevande a base di caffeina possono tranquillamente superare le 300 calorie. Quindi, via topping e sciroppi e utilizzate latte scremato o parzialmente scremato.

Dessert design

Mangiare sano è essenziale per mantenere uno stile di vita attivo e per mantenersi in forma.

Good Health & Wellbeing (salute e benessere) è al terzo posto tra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e Nestlé contribuisce attivamente al raggiungimento di tali obiettivi.

Sviluppando abitudini sane per la preparazione e il consumo dei pasti possiamo contribuire a dare al nostro corpo la dieta sana ed equilibrata di cui ha bisogno per star bene.

Se sei uno Chef, puoi trovare i consigli per i professionisti alla pagina NutriPro.