Torna alle Storie
3 Minuti di lettura
Paul Bulcke  

Di Paul Bulcke - Chairman of the Board of Directors, Nestlé




Al World Water Forum del 2018 nella capitale brasiliana, Brasilia, migliaia di esperti stanno sensibilizzando e cercando soluzioni sostenibili per garantire che ogni persona in qualsiasi parte del mondo abbia accesso alla nostra risorsa più preziosa: l'acqua.

L'ONU stima che entro il 2030 la domanda mondiale di acqua supererà l'offerta del 40%

L'acqua è vita. È essenziale, ma scarseggia, sin d’ora, in molte parti del mondo. L'ONU stima che entro il 2030 la domanda mondiale di acqua supererà l'offerta del 40%. Con l'aumento della popolazione e dei consumi, le risorse idriche mondiali, già sotto enorme pressione, vengono ulteriormente sfruttate per garantire il cibo e le strutture igienico-sanitarie richieste dalla società. L'attuale approvvigionamento idrico e le infrastrutture semplicemente non soddisfano più le esigenze della società. È quindi fondamentale che le persone vengano messe al corrente del problema e che tutti lavorino insieme per proteggere le risorse idriche mondiali.

Noi di Nestlé crediamo senza alcun dubbio che l'accesso all'acqua sia un diritto umano fondamentale. Ogni individuo, ovunque nel mondo, ha diritto ad acqua che sia pulita e potabile e che risponda adeguatamente ai requisiti igienico sanitari.

Noi di Nestlé crediamo senza alcun dubbio che l'accesso all'acqua sia un diritto umano fondamentale.

Secondo l'ONU ciò corrisponde a 50 - 100 litri al giorno a persona. Si tratta di una priorità assoluta per gli individui, le comunità e il pianeta. La sicurezza idrica è un problema globale, ma si avverte a livello locale. Riteniamo che il modo migliore per affrontare le sfide legate all'acqua consista nel collaborare con tutti i soggetti interessati delle comunità locali e regionali. Per affrontare i problemi di scarsità, stiamo collaborando con le comunità in cui operiamo per sostenere e migliorare i bacini idrografici locali. Stiamo inoltre aiutando le comunità a sviluppare le proprie risorse in base ad una serie di condizioni condivise.

Acqua pulita  

Nestlé ed io ci impegniamo personalmente in questa urgente questione e chiediamo ad altri di unirsi a noi per garantire le risorse idriche utili alle prossime generazioni. Un passo concreto che le imprese possono compiere è, ad esempio, partecipare allo Standard proposto da Alliance for Water Stewardship (AWS). Questo modello garantisce le migliori pratiche nell'uso responsabile dell'acqua dolce. Nestlé collabora con Alliance per valutare rischi ed esigenze, in modo da poter concentrare i propri sforzi laddove ciò è più importante e dove si può ottenere un impatto maggiore. Abbiamo identificato quattro aree chiave: fabbriche, bacini idrografici, catena di approvvigionamento agricolo e comunità. Sono lieto di poter dire che nelle Americhe, in tutti i nostri stabilimenti, sono iniziate le valutazioni di gestione dell'acqua. In Europa, Africa e Asia stiamo implementando iniziative pilota per la gestione delle risorse idriche in mercati che devono affrontare sfide idriche locali.

Benché stiamo facendo progressi, sappiamo che includendo e lavorando con gli altri possiamo avere un impatto ancora maggiore. Nel 2008, il 2030 Water Resources Group è stato istituito come un'iniziativa multilaterale tra il governo, il settore privato e la società civile con l'obiettivo di riportare i prelievi di acqua dolce in linea con l'approvvigionamento sostenibile. Oggi è gestito dalla Water Global Practice della Banca Mondiale.

Paesaggio lacustre  

Come l'AWS, anche il 2030 WRG si concentra sui contesti locali, dove sostiene la collaborazione a livello nazionale tra governi, imprese e società civile per raggiungere la sicurezza idrica. Il 2030 WRG è oggi un buon esempio di SDG #17, una partnership globale che si impegna per raggiungere gli obiettivi.

Il 2030 WRG è presente in 14 paesi o stati. In America Latina opera in Messico, Perù e a San Paolo, in Brasile. In tutti i paesi, il 2030 WRG riunisce 642 partner provenienti da tutti gli strati della società che collaborano in 46 diversi gruppi di lavoro per affrontare specifiche sfide idriche. Sono orgoglioso di essere co-presidente del 2030 Water Resources Group e di incoraggiare altri ad aderirvi.

Questi sono solo alcuni esempi di ciò che si può fare, ma è necessario fare molto di più. L'acqua è un problema molto grave, ma non dovrebbe esserlo. Sono tante le azioni che possiamo intraprendere per contribuire a risolvere questa sfida. Lavoriamo insieme per garantire l'accesso all'acqua e un futuro prospero e sostenibile per tutti.