Nestlé e i test sugli animali

26 giugno 2018

Condividiamo la preoccupazione dell’opinione pubblica riguardo ai test sugli animali e crediamo che debbano essere utilizzati solo e se strettamente necessari.

In Nestlé realizziamo questo tipo di test solo se richiesto come parte del procedimento normativo di autorizzazione per la commercializzazione di un prodotto, come parte del processo di ricerca e sviluppo di nuovi ingredienti o come parte di approcci terapeutici per migliorare la salute dei consumatori per comprendere malattie e specifiche condizioni di salute, o per dimostrare la sicurezza di questi nuovi ingredienti.

Quando i test su animali suono richiesti, ci atteniamo a tutte le norme e gli standard applicabili e seguiamo i principi “Triple R” – Rimpiazzare (usare un’alternativa ai test sugli animali ogni qualvolta sia possibile), Ridurre (minimizzare e ottimizzare il numero di animali su cui vengono fatti i test) e Rifinire (migliorare le procedure di sperimentazione per eliminare o ridurre le sofferenze e il disagio inflitti agli animali).

Ci assumiamo la responsabilità etica nella cura degli animali in modo molto serio e ci assicuriamo che vengano accuditi con alloggio, nutrizione e cure appropriati, nonché trattati in modo etico.

I nostri dipendenti coinvolti nei trattamenti con cavie devono essere formati per potersi prendere cura di loro in modo corretto, devono essere consapevoli delle questioni etiche relative e devono sempre dimostrare rispetto per gli animali.

Tutti i nostri studi effettuati su animali sono valutati e approvati dalle autorità locali competenti e sono realizzati rispettando pienamente tutte le regolamentazioni sul welfare degli animali.

Non utilizziamo test su animali per produrre cibo convenzionale per uso umano, bevande a base di te, caffè, cereali e cioccolato, per sviluppare prodotti cosmetici o per comparare questi tipi di prodotti con quelli dei nostri competitors.