A gennaio 2021, abbiamo annunciato la nostra Net Zero Roadmap per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030 e raggiungere le zero emissioni entro il 2050.

Per raggiungere questi obiettivi, stiamo supportando agricoltori e fornitori per incentivare l’impiego dell'agricoltura rigenerativa, stiamo piantando 20 milioni di alberi ogni anno per i prossimi 10 anni e stiamo completando la nostra transizione verso l'impiego di elettricità 100% rinnovabile entro il 2025.

Accanto a questo, stiamo passando da una strategia di zero deforestazione a una "forest-positive", per ripristinare le foreste e aiutarle a prosperare e per promuovere - tra i nostri agricoltori - l’utilizzo di mezzi di sussistenza sostenibili e rispettosi dei diritti umani.

Queste azioni si uniscono ai nostri impegni decennali per porre fine alla deforestazione nei principali luoghi a rischio deforestazione in cui vengono prodotte alcune delle principali materie prime di Nestlé.

Grazie anche alla collaborazione con agricoltori, comunità agricole e fornitori sul campo e grazie all’utilizzo di diversi strumenti come la mappatura della catena di approvvigionamento, le procedure di certificazione, i servizi di verifica in loco e il monitoraggio satellitare come Starling o Global Forest Watch, il 90% delle nostre materie prime - olio di palma, zucchero, soia, carne, ma anche cellulosa e carta - è già stato dichiarato a “zero rischio di deforestazione” da dicembre 2020.

 

Nell’attuare la “Forest Positive Strategy”, come Nestlé stiamo inoltre accelerando i nostri sforzi per eliminare completamente il rischio di deforestazione all’interno delle nostre catene di approvvigionamento di olio di palma, zucchero, soia, carne, cellulosa e carta entro il 2022 e entro il 2025 per le filiere del caffè e del cacao.

"L'uso delle immagini satellitari è stato d’aiuto nel nostro cammino per fermare la deforestazione", ha affermato Laurent Freixe, EVP, CEO di Zone Americas di Nestlé. "Ora espanderemo l'uso di questa tecnologia per monitorare l'approvvigionamento di caffè e cacao, due ingredienti importanti per i nostri prodotti". Utilizzando i servizi di monitoraggio satellitare, Nestlé effettuerà una valutazione del rischio nelle regioni in cui reperisce le sue materie prime. Partendo dalle Americhe e poi espandendosi a livello globale, questo aiuterà l'azienda a intraprendere azioni rapide per l'approvvigionamento sostenibile di queste materie prime.

 

All'interno della nostra catena di approvvigionamento di olio di palma, abbiamo completato un progetto pilota Forest Footprint nella provincia di Aceh, nel nord di Sumatra, in Indonesia. Un obiettivo chiave di questo progetto pilota è stato comprendere meglio i rischi futuri per le foreste e le torbiere, nonché i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali (IPLC). Comprendendo questi fattori e problemi, è stato possibile studiare strategie di lungo periodo efficaci.

I tre pilastri della strategia Forest Positive di Nestlé

  • Filiere a zero rischio deforestazione
    Ci stiamo impegnando per raggiungere e mantenere la zero deforestazione all’interno delle nostre catene di approvvigionamento, grazie all’utilizzo di strumenti come la valutazione delle aziende agricole, le procedure di certificazione e il monitoraggio satellitare:

    Entro il 2022 per olio di palma, zucchero, soia, carne, cellulosa e carta;
    Entro il 2025 per caffè e cacao.
    Forest
  • Conservazione e ripristino delle foreste coinvolte nelle nostre filiere
    Ci stiamo impegnando per proteggere proattivamente la vegetazione e ripristinare le foreste degradate e gli ecosistemi naturali, rispettando al contempo i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali.
    forest tropical trees
  • Paesaggi sostenibili
    Ci stiamo impegnando per trasformare i territori in cui reperiamo le nostre materie prime, così da garantire un futuro più sostenibile.
    forest trees

L’impegno di Nestlé per la rigenerazione delle foreste riguarderà anche azioni di sostegno nei confronti dei suoi fornitori, per garantire mezzi di sussistenza sostenibili e proteggere i paesaggi. Ricompenseremo i fornitori per i loro sforzi a favore dell’ambiente, acquistando quantità maggiori di materie prime, stipulando contratti a lungo termine, co-investendo in programmi che promuovono la conservazione e il ripristino delle foreste e pagando un sovrapprezzo per i loro prodotti.

"Forest positive è realizzabile solo se lavoriamo a stretto contatto con gli agricoltori e le comunità locali, i partner industriali e i governi, per implementare soluzioni più efficaci a livello locale, regionale e globale", ha affermato Magdi Batato. "I vantaggi sono numerosi: comunità e mezzi di sussistenza più resilienti, sistemi alimentari più sostenibili e un pianeta più sano".

Il nostro impegno verso un futuro Forest Positive

Scarica il report
Forest Positive