Nestlé e le vertenze sindacali in Colombia

Da diversi anni viene talvolta rilanciata sul web la notizia secondo cui Nestlé sarebbe responsabile in Colombia di violazioni dei diritti dei lavoratori, o addirittura corresponsabile di episodi di violenza contro rappresentanti sindacali. Nestlé ha sempre respinto categoricamente tali accuse. Sfortunatamente il problema della violenza in Colombia riguarda tutto il Paese e negli anni minacce e violenze sono state fatte tanto a sindacalisti quanto ai dirigenti aziendali.

Per continuare a migliorare le condizioni di lavoro e le relazioni con la comunità locale, abbiamo deciso di aprire un dialogo diretto con Alliance Sud, organizzazione che raccoglie le sei maggiori ONG svizzere attive in ambito umanitario, particolarmente attente a questi temi.

Dalla collaborazione è nato un rapporto pubblicato in maniera indipendente da Alliance Sud per fare il punto sui risultati raggiunti in questi ultimi 5 anni. In particolare, l’organizzazione non ha trovato nessun riscontro all’ipotesi di complicità di Nestlé in atti di violenza contro rappresentanti sindacali. Anzi, Nestlé, seguendo le raccomandazioni della ONG, ha compiuto significativi passi in avanti nel migliorare le condizioni di lavoro dei propri dipendenti e le relazioni con la comunità. Abbiamo imparato molto da dialogo con Alliance Sud, e ripartendo da un’analisi accurata del Report continueremo ad impegnarci nella direzione intrapresa.

Per chi volesse saperne di più e direttamente dalla fonte, sul sito di Alliance Sud sono a disposizione informazioni più dettagliate, clicca qui.