L'alimentazione tra i fattori di successo di SOLAR IMPULSE 2

Comunicati StampaMilano,mar 11, 2015

Circumnavigare il pianeta con un velivolo alimentato a energia solare? Oggi si può

Si chiama Solar Impulse 2 e sarà il primo volo a energia solare intorno al mondo. Decollato da Abu Dhabi il 9 Marzo, Si2 è un aereo all'avanguardia che può percorrere lunghe distanze senza una goccia di carburante, sfruttando esclusivamente l'energia fornita dal sole.

La durata prevista per il volo è di 5 mesi, con 11 tappe per una distanza totale di 35.000 chilometri e circa 500 ore di tempo effettivo di volo.

E il cibo? 4 anni di studio da parte degli scienziati del Nestlé Research Center. Perché il successo del progetto si deve anche all’alimentazione. I due piloti che condurranno il velivolo e sfideranno i confini del volo sostenibile si nutriranno con cibi appositamente studiati. I ricercatori dell’NRC - Nestlé Research Center hanno sviluppato una gamma di pasti e snack in grado di resistere alle estreme variazioni di temperatura e di condizioni climatiche e di fornire ai piloti il corretto apporto energetico e proteico per reggere le difficili condizioni fisiche.

Il successo dipende da vari fattori: il packaging appropriato, lo stoccaggio delle scorte nel posto giusto e l’appagamento del gusto durante la loro avventura, come ha dichiarato anche la dott.ssa Amira Kassis, appartenente al team di ricerca Nestlé. Nei prossimi mesi, sarà la stessa dott.ssa Kassis a seguire l'aereo gestendo la dieta e la nutrizione dei piloti e assicurandosi che siano disponibili i quantitativi di cibo corretti.

"I cibi giusti e una corretta alimentazione sono fondamentali per il successo della nostra missione e ci sosterranno nel lungo viaggio intorno alla terra. Abbiamo beneficiato della competenze e dell'esperienza degli scienziati di Nestlé Research Center che hanno sviluppato pasti completamente su misura per noi. Grazie alla stretta collaborazione con il team, sappiamo anche che il momento del pasto sarà un piacere e ci fornirà un po' di ristoro in un contesto così estremo” hanno commentato i piloti Bertrand Piccard e André Borschberg.

Per saperne di più, clicca qui.