Nestlé Italia: verso le zero emissioni entro il 2050

Comunicati Stampa

In 10 anni diminuite del 45% le emissioni di CO2

Nel nostro Paese oltre il 90% dei rifiuti prodotti negli stabilimenti del Gruppo
 già destinati a riciclo, riuso o compostaggio

Assago, 9 febbraio 2021 – Negli ultimi 10 anni in Italia Nestlé ha ridotto del 45% le emissioni di CO2. Questo è solo uno degli importanti risultati conseguiti dall’azienda nel nostro Paese. Rappresenta il frutto di un articolato programma di azioni per raggiungere l’obiettivo di dimezzare a livello globale le emissioni di gas serra entro il 2030 e arrivare a quota zero entro il 2050.

Il cambiamento climatico è un rischio concreto per l’agricoltura, per la produzione di cibo e, di conseguenza, per il business delle aziende alimentari. Tuttavia, allo stesso tempo, le principali fonti di emissioni di gas serra (GHG) sono costituite proprio dalle attività legate alla catena del valore del settore alimentare. È chiaro, pertanto, che ci si trovi di fronte a una sfida particolarmente complessa, che Nestlé sta affrontando con una visione a lungo termine e una strategia che coinvolge tutti i partner della filiera, consumatori inclusi, perché per raggiungere risultati davvero significativi serve il contributo di tutti.

In particolare, Nestlé intende concretizzare il suo impegno lavorando su alcuni assi strategici fondamentali: stabilimenti; produzione e trasporti; materie prime (cacao, caffè, latte); agricoltura rigenerativa. Tutti questi sforzi si riflettono sui prodotti e mirano ad agire sulla consapevolezza dei consumatori. Nestlé, infatti, vuole lavorare per continuare ad offrire prodotti più sostenibili, più salutari e più rispettosi dell’ambiente. Alcuni dei principali brand Nestlé stanno già lavorando per seguire questo impegno e presto diventeranno a zero emissioni di carbonio, tra questi S. Pellegrino, Acqua Panna, Garden Gourmet e Nespresso

Energia rinnovabile, trasporto e gestione dei rifiuti: impegni e risultati in Italia

Il lavoro finalizzato alla riduzione di GHG è affrontato dall’azienda da diversi anni: a livello italiano, ad esempio, negli ultimi 10 anni Nestlé ha ridotto del 45% le sue emissioni di CO2 in tutti i suoi stabilimenti. Inoltre, tutti gli stabilimenti del Gruppo Nestlé in Italia, insieme anche alla sede centrale di Assago, usano il 100% di energia elettrica acquistata da fonti rinnovabili e certificata RECS (Renewable Energy Certificate System).

Entro il 2025 tutti gli 800 siti di Nestlé nel mondo utilizzeranno il 100% di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. In 80 fabbriche su circa 130 in tutta l’area EMENA, l’azienda si serve già del 100% di elettricità rinnovabile.

Altro capitolo chiave è quello della sostenibilità del sistema di trasporto e distribuzione e l’azienda sta investendo per far evolvere il trasporto su gomma verso modalità alternative.

Ad esempio, da sempre il Gruppo Sanpellegrino in Italia privilegia la logistica sostenibile con l’utilizzo dei trasporti su rotaia e su nave (34% nel 2019). Inoltre, proseguono anche i progetti che prevedono l’utilizzo di mezzi alimentati a GNL (gas naturale liquefatto), il combustibile fossile più “green” e la terza fonte di energia a livello globale (+6,3% 2019 vs 2018).

I cambiamenti climatici si affrontano anche attraverso una gestione consapevole e sostenibile dei rifiuti, altro fronte su cui Nestlé lavora già da tempo: nel 2017, con tre anni di anticipo rispetto alla deadline definita, il Gruppo in Italia ha avviato al riciclo, al riuso o al compostaggio oltre il 90% dei rifiuti prodotti nei suoi stabilimenti grazie al piano Zero Waste for Disposal. A questo progetto si accompagnano anche tutte le iniziative sviluppate a livello nazionale e internazionale per migliorare la riciclabilità degli imballaggi.

Transizione verso un’agricoltura rigenerativa
Oltre 2/3 delle emissioni di Nestlé derivano dalla produzione degli ingredienti che utilizza per i suoi prodotti. Per affrontare il problema delle emissioni generate dall’agricoltura, Nestlé lavorerà insieme ai suoi fornitori per trasformare il modo in cui viene prodotto il cibo, puntando su pratiche di agricoltura rigenerativa.

Salute del suolo
A livello globale, un terzo del suolo è già stato deteriorato. Per invertire questa tendenza, Nestlé incoraggia gli agricoltori a usare meno o nessun pesticida e ad applicare tecniche come la copertura permanente del suolo, la rotazione delle colture e una minore lavorazione del terreno. Questo contribuirà a conservare più carbonio e acqua nel terreno e a creare suoli e paesaggi più sani. Entro i prossimi cinque anni, l’azienda si procurerà il 20% dei suoi ingredienti chiave dall’agricoltura rigenerativa e arriverà al 50% entro il 2030.

Sostenibilità di caffè, cacao e altre materie prime
I prodotti lattiero-caseari e le alternative vegetali da sempre caratterizzano l’offerta di Nestlé. Per questo il Gruppo sta sviluppando progetti in tutta l’area EMENA per rifornirsi da aziende lattiero-casearie a impatto zero e quindi ridurre le emissioni di carbonio.

Anche per quanto riguarda l’approvvigionamento di caffè e cacao, l’azienda si impegna affinché la produzione di queste materie prime non sia legata alla deforestazione, che determina maggiori emissioni di carbonio. Infatti, entro il 2025, il 100% del cacao e del caffè utilizzati da Nestlé sarà di provenienza sostenibile. Per questo, il Gruppo sta lavorando con gli agricoltori per evitare la deforestazione e sta attuando un ambizioso piano di riforestazione. Anche le referenze dolciarie prodotte presso lo stabilimento Perugina di San Sisto rispettano a pieno questi standard di sostenibilità.

Marco Settembri, CEO di Nestlé per l'Europa, il Medio Oriente e il Nord Africa ha dichiarato: "I nostri progetti sulla salute del suolo, su aziende lattiero-casearie a basse emissioni e su cacao e caffè di provenienza sostenibile mostrano risultati promettenti. Siamo fiduciosi che queste collaborazioni con agricoltori e fornitori possano essere ulteriormente estese per raggiungere il nostro obiettivo climatico delle zero emissioni nette".

Nestlé investirà un totale di 3,2 miliardi di franchi svizzeri nei prossimi cinque anni per accelerare lo sforzo verso l’obiettivo delle zero emissioni di gas serra, inclusi 1,2 miliardi di franchi svizzeri per promuovere l'agricoltura rigenerativa.

Gruppo Nestlé
Il Gruppo Nestlé, presente in 187 Paesi con più di 2000 marche tra globali e locali, è l’azienda alimentare leader nel mondo, attiva dal 1866 per la produzione e distribuzione di prodotti per la Nutrizione, la Salute e il Benessere delle persone. Good food, Good life è la nostra firma e il nostro mondo.

Da più di 100 anni presente in Italia, Nestlé si impegna ogni giorno con azioni concrete ad esprimere con i propri prodotti e le marche tutto il buono dell’alimentazione.

Crediamo che una buona alimentazione migliori la vita. Il buon cibo nutre, il buon cibo delizia i nostri sensi e soprattutto ci unisce. Permette ai bambini di diventare grandi in salute, agli animali da compagnia di crescere sani e felici e a tutti di godere una vita piena. Il cibo è davvero buono anche quando rispetta il pianeta e protegge le sue risorse per le generazioni future. Diverse sono le iniziative promosse da Nestlé a supporto della Creazione di Valore Condiviso; tra queste, un importante impegno è il Nestlé Plastic Packaging Commitment, che ha l’obiettivo di rendere tutti i packaging riciclabili o riutilizzabili entro il 2025 e in Italia si concretizza con progetti come Dove Lo Butto?, la piattaforma che intende aiutare i consumatori nella corretta raccolta differenziata. Scaricala gratuitamente su www.dovelobutto.nestle.it

Il Gruppo Nestlé opera in Italia con Nestlé Italiana, Sanpellegrino, Purina, Nespresso, Nestlé Nutrition e Nestlé Health Science, Nestlé Professional e CPW. Queste realtà assieme impiegano circa 4.700 dipendenti in 10 stabilimenti (oltre alla sede centrale di Assago), raggiungendo nel 2019 un fatturato totale di circa 1,6 miliardi di euro. In Italia, nel 2018, Nestlé ha prodotto un valore condiviso di 3.649 milioni di euro, pari allo 0,2% del PIL. Priorità per il Gruppo in Italia è la valorizzazione del gusto e delle tradizioni italiane nel nostro Paese e nel mondo, anche attraverso una filiera che comprende il 74% di fornitori italiani.

Per ulteriori informazioni:

Edoardo Cavalcabò
Corporate Affairs Manager
E-mail: [email protected]

Moreno Iachini
External Communication Specialist
E-mail: [email protected]

Ufficio stampa – SEC Newgate SpA
Gabriele Bertipaglia – [email protected]  – 335/7203720
Elena Castellini – [email protected]  – 335/6271787
Sara Brusa Pasquè – [email protected] – 347/7628265