ITALIANI, GALATEO E CORRETTA NUTRIZIONE QUEL SOTTILE FILO ROSSO TRA BON TON E BENESSERE A TAVOLA

Non solo forma ma anche sostanza. Un’interpretazione personale del bon ton ci ha fatto perdere di vista l’importanza del mangiare sano. Da una ricerca Nestlé emerge, infatti, come gli italiani interpretino creativamente il galateo a tavola, allontanandosi perciò dal significato intrinseco di alcune sue regole legate a una corretta nutrizione.

Comunicati Stampafeb 22, 2018

Il bon ton a tavola esiste ancora? Contrariamente a quanto percepito, non sembriamo più essere maestri di stile e custodi del ‘mangiarbene, come ci piace pensare. Una ricerca commissionata da Nestlé sul galateo a tavola ha infatti svelato degli italiani con abitudini sbagliate, creativi interpreti delle leggi non scritte del bon ton, dimenticando che molte di esse hanno un preciso significato che va oltre la buona educazione. Più che esserci allontanati dalle buone maniere a tavola, è più corretto dire allora che abbiamo allontanato dalla nostra memoria i fondamenti di un’alimentazione sana ed equilibrata che, spesso, si nascondono dietro a precise norme di educazione.

 

Prendiamo per esempio la vecchia regola per cui non è buona educazione avanzare cibo nel piatto. Stando ai risultati della ricerca Nestlé emerge che ben il 30% degli italiani non ritiene affatto che questo sia una dimostrazione di scortesia, se ne deduce che non solo non siamo educati come pensiamo, ma abbiamo un concreto problema con le porzioni, spesso spropositate rispetto alla reale necessità.

 

D’altra parte, circa 1 italiano su 3 dichiara di non farsi problemi a prendere porzioni troppo grandi quando si è a cena con ospiti. Non solo, quindi, viene ignorato il principio fondamentale dell’alimentazione sana ed equilibrata che chiede porzioni in relazione allo stile di vita, ma viene dimenticato anche un galateo più contemporaneo che depreca gli eccessi a favore di un maggiore rispetto verso l'ambiente che non ama gli sprechi. In questo caso dovrebbe essere reinventata una nuova regola di bon ton: no al piatto troppo pieno, per intenderci quello di ‘Sordiana’ memoria (chi non ricorda la scena del film in cui Alberto Sordi era alle prese con gli spaghetti strabordanti dal piatto).

 

Commenta il dott. Giuseppe Fatati, Presidente della Fondazione ADI: “La comunità scientifica è concorde nell’affermare che la sola vista dell’abbondanza di cibo nel piatto ne influenzi il desiderio di consumo, di conseguenza sarebbe meglio – sia per una questione di cortesia che per evitare inutili abbuffate -  concedersi delle porzioni moderate e, anche per un rispetto dell’ospitalità altrui accettarne un bis solo dopo aver terminato quello che si ha nel piatto piuttosto che rischiare di lasciare del cibo avanzato o alzarsi da tavola con la pancia troppo piena”.

 

Sondata e archiviata invece la “scarpetta”. Quella assolutamente non si tocca! Quasi fosse una istituzione nel manuale non scritto dell’alimentazione dai 3 ai 100 anni. Maleducazione o no, il 30% degli italiani pur avanzando il cibo nel piatto non rinuncia alla scarpetta, a danno della salute. Dopo un buon piatto di pasta, ad esempio, raccogliere con del pane il condimento non fa che aggiungere grassi e carboidrati ad un pasto già ampiamento completo.

 

Fra i comportamenti sondati da Nestlé, inoltre, c’è il ‘controverso’ uso del sale a tavola. Secondo il galateo, infatti, può essere considerato una dimostrazione che il cibo offerto non sia apprezzato. Ma anche qui il 45% del campione intervistato è convinto che aggiungere il sale a tavola non sia un problema. In questo caso quindi ci riveliamo non solo scortesi ma anche poco informati sulle nuove regole della moderna alimentazione.

 

“Ridurre gradualmente la quantità di sale che si consuma non è difficile, il nostro palato si adatta facilmente, ed è quindi possibile rieducarlo a cibi meno salati. Entro pochi mesi, o addirittura settimane, questi stessi cibi appariranno saporiti al punto giusto, mentre sembreranno troppo salati quelli conditi nel modo precedente”.

 

Ma se il trend degli italiani è questo, quali regole di galateo riteniamo come imprescindibili a tavola? Ecco 3 azioni che amiamo compiere prima di sederci a mangiare: lavarci le mani per l’89%, augurare buon appetito per il 65% (ma non era stabilito che fosse maleducazione?) e bere un bicchiere d’acqua per il 34%.

 

“Concentrerei l’attenzione soprattutto su questo ultimo punto,  commenta il dott. Giuseppe Fatati. “Non è vero che l’acqua vada bevuta al di fuori dei pasti. Al limite, se si eccede nella quantità si allungheranno di poco i tempi della digestione (per una diluizione dei succhi gastrici), ma un’adeguata quantità di acqua (non oltre i 600-700 ml) è utile per favorire i processi digestivi, perché migliora la consistenza degli alimenti ingeriti. L’acqua entra nella struttura di varie sostanze e agisce da solvente per la maggior parte dei nutrienti (minerali, vitamine idrosolubili, aminoacidi, glucosio, ecc.), svolgendo un ruolo essenziale nella digestione, nell’assorbimento, e nell’utilizzazione degli stessi nutrienti. L’acqua è anche il mezzo attraverso il quale l’organismo elimina le scorie metaboliche, ed è indispensabile per la regolazione della temperatura corporea”

 

Inoltre, la ricerca svelerebbe che l’emblema delle buone maniere, per addirittura il 75% degli intervistati, è mangiare con la bocca chiusa, a cui seguirebbe l’abitudine di lasciare i cellulari lontani dalla tavola (64%) e spegnere la televisione durante il pranzo e la cena (46%).

 

Il dott. Giuseppe Fatati qui esprime dei dubbi: “Purtroppo, non è dato sapere se si tratta di buone intenzioni o se concretamente di propositi che vengono mantenuti. Verrebbe da pensare che gli ultimi due punti non siano molto in linea con la constatata cattiva abitudine alla ‘non-convivialità’ che vede pasti sempre più rapidi, frugali e isolati piuttosto che i pasti rilassati e in compagnia che oltre a far bene alla salute fanno certamente bene all’umore!”.

 

In definitiva non ce la caviamo poi così male. La ricerca di Nestlé ha evidenziato sì qualche pecca nella nostra educazione a tavola e di conseguenza la scarsa informazione su tematiche nutrizionali molto importanti, ma ha avuto il pregio di evidenziare le crepe di alcune regole fin qui inattaccabili.

E se nel 2018 fosse giunta l’ora di riscrivere il galateo? Almeno in parte, per farlo aderire ad una visione più ‘olistica’ in cui cortesia e benessere, mangiar sano e attenzione all’ambiente compongono diverse facce di un’unica ‘universale’ medaglia.

 

 

www.nestle.it

http://www.nestle.com/

 

Nestlé digital
Facebook - Nestlé
Twitter - @NestléItalia

 

Per ulteriori informazioni:

EDELMAN

Irene De Bernardi – irene.debernardi@edelman.com – Tel. +39 02. 63116223, +39 348 3001334

Luana Maltese – luana.maltese@edelman.com - Tel. +39 02. 63116230; +39 347 1076467

Chiara Lanci – chiara.lanci@edelman.com – Tel. +39 02. 63116385

 

NESTLÉ

Manuela Kron – Direttore Corporate Affairs Gruppo Nestlé in Italia: Manuela.Kron@it.nestle.com- Tel. +39 02. 8181.1

Maria Chiara Fadda - Relazioni esterne Nestlé: mariachiara.fadda@it.nestle.com +39 02 8181 7224; +39 346 6324729