Torna alle Storie
3 Minuti di lettura
Eugene Atte  

Di Eugene Atte
Head of Packaging di Nestlé, Regione dell’Africa centrale e occidentale

Giugno 2018

L'immagine di un piccolo cavalluccio marino che galleggia in acque inquinate, con la coda avvolta attorno a un cotton fioc gettato via, normalmente sarebbe in prima pagina in tutto il mondo.

Per molti è stato un chiaro esempio di quanto l'inquinamento causato dalla plastica stia minacciando l'ambiente, in particolare i nostri oceani e le nostre coste. Ci viene in mente questa potente e inquietante foto del 2017 in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente di quest'anno, dedicata al tema "Combattere l'inquinamento da plastica".

Nell'Africa centrale e occidentale, il problema dei rifiuti di plastica è un problema ambientale importante per molti insediamenti urbani e periurbani. Il Ghana ha una popolazione di oltre 28 milioni di abitanti ed è una delle economie in più rapida crescita al mondo. Un recente articolo in Quartz Africa ha riportato che Accra da sola produce circa 3.000 tonnellate di rifiuti al giorno. Questo è il peso equivalente di dieci aerei Boeing 747. È per questo che la transizione verso un'economia più circolare della plastica in Ghana, e in molti altri paesi della regione e oltre, ha un enorme potenziale.

È vero che molti ricicli informali sono già in corso, con molte piccole imprese innovative e ONG che lavorano a nuovi modi per riutilizzare la plastica. Tuttavia, attualmente non esistono incentivi o grandi infrastrutture di riciclaggio per far fronte a questo volume di rifiuti.

In Nestlé ci impegniamo a svolgere un ruolo attivo nello sviluppo di schemi di raccolta, selezione e riciclo efficienti in tutti i paesi in cui operiamo, collaborando con altri stakeholders. Non solo crediamo di dover fare la nostra parte, ma stiamo anche facendo qualcosa a riguardo.

Nell'aprile 2018, come Gruppo, abbiamo fissato l'ambizione coraggiosa di rendere riciclabile o riutilizzabile il 100% dei nostri packaging entro il 2025. Il packaging è fondamentale per la nostra attività. Svolge un ruolo cruciale nel fornire alimenti sicuri e di alta qualità ai nostri consumatori, oltre a ridurre gli sprechi alimentari.

Ciononostante, dobbiamo fare di più per garantire che il packaging che utilizziamo sia sostenibile. Ciò include: eliminare le plastiche non riciclabili, incoraggiare l'uso di plastiche che consentano migliori tassi di riciclaggio, eliminare o modificare le combinazioni complesse di materiali, ottimizzando sempre il packaging di cui ci serviamo.

Questa visione, per cui nessuno dei nostri imballaggi, comprese le materie plastiche, debba finire in discarica o diventare un rifiuto, è globale nel quadro ma locale nell'esecuzione.

Come azienda siamo orgogliosi di aver assunto un impegno così ambizioso, il quale è un elemento essenziale per migliorare la qualità della vita e contribuire a un futuro più sano.

In Africa centrale e occidentale faremo tutto il possibile per sostenere questo sforzo. Siamo orgogliosi di affermare di essere uno dei membri fondatori dell'Iniziativa Ghana Recycling Initiative by Private Enterprises (GRIPE) che sostiene gli sforzi del governo nella gestione dei rifiuti in plastica. Come uno degli otto membri della coalizione, stiamo lavorando con altre importanti aziende industriali per integrare soluzioni di gestione sostenibile dei rifiuti e sostenere il miglioramento delle pratiche di gestione già implementate in Ghana.

Nestlé Nigeria è una delle 5 società membri della Food and Beverage Recycling Alliance (FBRA), che funge da Organizzazione Responsabile dei Produttori del settore nell'ambito del programma EPR (Extended Producers).

Questa alleanza ha completato lo sviluppo di un valido piano di raccolta e riciclo con un focus iniziale sui principali materiali di imballaggio per alimenti e bevande che rappresentano una sfida significativa per il sistema nazionale di gestione dei rifiuti del paese, come bottiglie in PET, sacchetti di plastica/nylon e carta asettica.

Nestlé Nigeria intende contribuire ad aumentare i tassi di raccolta e riciclo in tutto il paese, offrire opportunità di lavoro attraverso soluzioni di riciclo scalabili e collaborare con il governo per affrontare il problema dei rifiuti in plastica. Allo stesso tempo, continuiamo a cercare modi per evitare, ove possibile, l'uso di imballaggi.

Ma questo è solo l'inizio. La più grande ambizione di Nestlé nel mondo è di ridurre a zero l'impatto ambientale delle nostre attività a livello globale entro il 2030.

Per allora, speriamo che le foto che fanno notizia non mettano più in evidenza l'impatto negativo dell'attività umana sul nostro ambiente, ma mostrino cosa si può ottenere lavorando insieme per plasmare il consumo sostenibile e le risorse di gestione per le generazioni future.

Siamo lieti di indicare la strada da seguire. Tutti possono partecipare alla soluzione per la riduzione delle materie plastiche intraprendendo azioni individuali o collettive.

Eugene afferma che costruire l'economia circolare per la plastica è vitale per l'Africa centrale e occidentale.